TEMA NATALE
DELLA LUNAZIONE
DEL LUPO 2009-2010



 

di Chicca Morone


Novilunio che nasce con l'ascendente Ariete, Sole, Luna e Venere in Sagittario: si prospettano scintille e fuochi d'artificio non solo a Capodanno.



meditazione
del novilunio
in SAGITTARIO


a

 

di Chicca Morone


Continuiamo questo viaggio nel mondo dei simboli astrologici per far emergere da noi l’antica conoscenza, quella a cui inconsciamente ci rivolgiamo per decodificare le nostre idee, i nostri sogni, le nostre paure, le nostre azioni.

Ci sarà per tutte e dodici le meditazioni quasi lo stesso inizio, affinché ci abituiamo a discendere nella nostra sfera più profonda conoscendo la strada, affidandoci a un processo induttivo che diventerà sempre più facile.


Siamo nella nostra casa al limitare del bosco, è una splendida giornata e guardando fuori dalla finestra decidiamo che vogliamo respirare a pieni polmoni l’atmosfera creata dalla vegetazione che si estende appena oltre il nostro cancello.

Il nostro abbigliamento è leggero, ma nello stesso tempo ci ripara dall’umidità e dalla lieve brezza che percepiamo incamminandoci lungo il vialetto che porta al sentiero principale.

Oltrepassiamo il recinto e dopo pochi passi ci inoltriamo nella vegetazione: a poco a poco scompare l’azzurro del cielo tra il fogliame e la luce filtra sempre meno intensamente.
Un grande albero attrae la nostra attenzione: è alto, maestoso, possente, ha una circonferenza enorme e i rami più bassi sembrano volerci abbracciare invitandoci alla ricerca.
Vediamo infatti una porticina che al nostro tocco si apre facilmente.

Varchiamo la soglia e scendiamo lungo la scala a chiocciola che lega i sette piani  e si snoda in ampi cerchi dentro la terra, nascosta agli occhi altrui.
La nostra discesa non è affrettata, tanto è che ci fermiamo a raccogliere una bottiglia piena di acqua che troviamo alla nostra sinistra dopo i primi 22 scalini.
Scendiamo ancora e ci accorgiamo che gli scalini sono in tutto 154, sette piani di 22 scalini ognuno.
Terminata la nostra discesa con la bottiglia di acqua nella mano sinistra ci troviamo in una stanza molto ampia dove dodici porte uguali sono disposte circolarmente.

Nella nostra tasca destra troviamo un mazzo di chiavi: per aprire la soglia che ci attrae maggiormente - e che in questo momento sembra la più luminosa - scegliamo quella con il simbolo del sole e della luna congiunti...

IN CUI LA LUNA È INCASTONATA DI OPALI E IL SOLE DI GRANATI,
INDICANDO IL NOVILUNIO IN SAGITTARIO

La porta si apre all’improvviso lasciando apparire una visione emozionante: un Unicorno sta pascolando tranquillamente in un prato verdissimo e il profumo di eucalipti sale alle narici producendo la netta sensazione di un luogo protetto in cui nulla di male può accadere.
Avanzi verso l’animale con circospezione, temendo di provocare la sua fuga, ma contrariamente a quello che pensi l’Unicorno alza il muso verso di te e si avvicina trotterellando.
Ti sembra impossibile che ciò possa avvenire, ma ti sei abituata a credere nella verità simbolica delle tue visioni, per cui accogli il messaggio dell’animale sorridendo a te stessa: sei in grado di specchiare la parte più intima e indomabile del tuo essere e hai trovato l’antidoto ai veleni che ti hanno tenuta legata a comportamenti lesivi della tua dignità.
Ora puoi esprimerti liberamente senza timore di essere giudicata o respinta e la consapevolezza del tuo valore ti rende fiera di te stessa, ma nello stesso tempo colma di sentimenti positivi nei confronti degli altri.
Non esiste più nulla che ti impedisca di viverti per quella che sei per cui comprendi anche di essere in grado di perdonare chi ha inibito la tua creatività, temendone l’intensità. L’animale sembra invitarti a salire sulla sua groppa e, timidamente, afferrando la sua criniera ti trovi a volare nell’aria, libera come se tu fossi diventata l’Unicorno e non avessi più confini.
Dall’alto scorgi la terra che si allontana e ti chiedi come possa avvenire, come sia possibile che il tuo respiro sia regolare, per nulla affannato a quella altitudine: immediatamente inizi la discesa per trovarti di nuovo nel giardino dove in una fontana di pietra l’animale si appresta a dissetarsi.
Anche tu decidi di bere l’acqua immaginando giustamente che non sia semplicemente una fonte, ma che lì siano contenuti preziosi elementi: infatti sul fondale ci sono rubini, opali, ambre, diamanti, turchesi, zaffìri, tanzaniti e ametiste che con le loro proprietà magiche donano vita ad un elisir di lunga vita.
Dopo aver lasciato cadere nella terra il contenuto della tua bottiglia facendo attenzione di innaffiare una pianta di rose rampicanti appoggiata alla fonte, avvicini alla bocca della fontana il tuo contenitore e lo riempi fino all’orlo: poi ti disseti assaporando la freschezza del liquido e decidi di ritornare sui tuoi passi.
Hai la gradevole sensazione di aver compiuto un passo importante della tua vita e che d’ora in avanti la libertà provata galoppando sull’Unicorno ti accompagnerà in ogni occasione.
Sotto i piedi l’erba è morbida e avvicinandoti alla porta attraverso la quale sei entrata percepisci nettamente la tua forza, una forza che viene dal cuore e che nessuno mai ti potrà contrastare.
Oltrepassi la soglia e ti trovi nella stanza antistante la scala a chiucciola, pronta alla risalita e richiudi girando la chiave nella toppa.

 

Ci ritroviamo insieme per risalire nella nostra sfera di realtà conscia: la forza che abbiamo ricevuto dai simboli nella nostra magica visione ci fa superare uno scalino dopo l’altro senza fatica e con una leggerezza davvero nuova giungiamo in prossimità del penultimo piano dove appoggiamo la bottiglia dell’acqua a cui potremo attingere ogni volta che lo desidereremo.

Apriamo la porta dell’albero che ci mette in comunicazione con il nostro conscio con l’inconscio e ci troviamo nel bosco dove tutto sembra essersi fermato.

Con la sensazione di benessere profondo ci incamminiamo verso casa osservando quanto i colori, i profumi e tutto ci appare più intenso, più appartenente a noi stessi.

Apriamo il cancello del giardino che circonda la nostra abitazione e lungo il vialetto incontriamo gli animali che vivono con noi e che esprimono la loro felicità nel vederci così vivificati dall’esperienza.

Entriamo nel nostro rifugio e raggiungiamo la nostra poltrona preferita davanti al caminetto: ora la nostra vita sarà riscaldata da nuove immagini e potremo affrontare le nuove esperienze con rinnovata forza.


 

 

 

Scarica da qui il calendario con la






© 2008 Chicca Morone - Qualsiasi riproduzione è vietata.

Immagine di Autore sconosciuto rielaborata e tratta da http://sere967.spaces.live.com/blog
Costellazione tratta da http://www.astrosurf.com








Contatore Sito
Bpath Contatore

 
info &
CREDITI